Se siete alla ricerca di un dottore commercialista per l'attività di elaborazione dei dati contabili siete nel posto giusto. Operiamo a Milano e in tutta la provincia sia per piccole o grandi aziende e sia per professionisti. Contattateci al numero 02.40707130

Consulenza contratti di affitto di azienda

Tramite i contratti di affitto di azienda, un imprenditore concede una delle sue aziende o semplicemente l’unica che possiede in gestione a un’altra persona. In questa maniera, per un periodo di tempo contrattualmente stabilito, non può più usufruire del complesso di beni organizzati per la produzione.

Dall’altro canto, in base all’art. 2561 del Codice civile, l’usufruttuario deve gestire l’impresa in maniera tale che non sia cambiata la sua destinazione e, che non sia stravolta l’efficienza dell’organizzazione e degli impianti, conservando oltretutto le normali dotazioni di scorta. Per legge, il contratto deve essere redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata.

I contratti di affitto di azienda rientrano tra i servizi di consulenza e assistenza contrattuale offerti dai nostri collaboratori di alto livello e professionalità, pronti a dare qualsiasi chiarimento e delucidazione a riguardo. All’operazione si provvederà, prestando attenzione a tutte le norme civilistiche che regolano questo strumento. I motivi per cui un imprenditore decide di dare in gestione la propria azienda, mantenendone la solo proprietà, possono essere molteplici. Ad esempio, può ricorrervi per proteggere la società in caso di insolvenza, cioè nel caso non è più in grado di rispettare le obbligazioni assunte alle scadenze pattuite, oppure in caso di imminente avvio di procedure concorsuali.

I contratti di affitto di azienda non sono specificamente definiti dalle norme civili e fiscali, ma comunque regolati dagli artt. 2561-1562 del Codice civile. Possono essere considerati, ad esempio nelle piccole imprese, come una buona opportunità per mettere alla prova le capacità imprenditoriali del futuro erede di una determinata azienda, prima di deciderne un definitivo passaggio. Dal punto di vista fiscale, questo tipo di contratto consente di proseguire l’esercizio dell’attività in maniera sostanzialmente neutrale. L’affitto può riguardare tutta l’azienda oppure solo una parte di essa. In quest’ultimo caso, però, è necessario che la singola unità produttiva o area funzionale, individuata dal cedente e dal cessionario al momento del trasferimento, sia dotata di una propria autonoma funzionalità.