Se siete alla ricerca di un dottore commercialista per l'attività di elaborazione dei dati contabili siete nel posto giusto. Operiamo a Milano e in tutta la provincia sia per piccole o grandi aziende e sia per professionisti. Contattateci al numero 02.40707130

Consulenza controllo di gestione

La consulenza per il controllo di gestione, che il nostro studio è in grado di offrire alla propria clientela, serve a rilevare in un’azienda lo scostamento tra gli obiettivi stabiliti durante la pianificazione operativa e i risultati realmente conseguiti, dandone informazione agli organi responsabili, in maniera tale che possano attuare tutte le opportune azioni correttive. Tutto ciò, ricorrendo alla misurazione di alcuni appositi indicatori. Lo scopo non è tanto di sanzionare chi non rispetta le regole, piuttosto di aiutare il personale di una determinata azienda a raggiungere il conseguimento degli obiettivi aziendali. Si tratta di un’attività strettamente connessa con il sistema di pianificazione.

La consulenza per il controllo di gestione è importante perché, in assenza di sistemi validi e applicabili a tutte le aziende, serve a progettare un sistema “ad hoc” per ogni specifica realtà d’impresa, individuando quali siano i fattori più critici che ne possano determinare il successo. Per questo motivo, è consigliabile affidarsi alla professionalità di persone esperte in materia. A tal proposito, il nostro studio offre un’assistenza continua. Siccome oggi nessuna azienda può assumersi di fare scelte sbagliate, tale tipo di controllo costituisce l’ideale strumento di guida e di governo dell’impresa, in grado di supportare sia le decisioni operative sia le scelte strategiche.

La consulenza per il controllo di gestione deve tener conto del ciclo periodico, di solito annuale, secondo cui si svolge il controllo stesso. Sono previste, in particolare, tre differenti fasi: il controllo antecedente (budgeting), il controllo concomitante e il controllo susseguente. La prima fase s’interfaccia con il sistema di pianificazione e consiste, in sostanza, nella predisposizione del budget. Attraverso questo strumento, gli obiettivi operativi sono resi misurabili, sono corredati della previsione delle risorse necessarie al loro conseguimento e sono assegnati agli oppositi organi aziendali. Il controllo concomitante si svolge parallelamente alla gestione (misurazione periodica degli indicatori, trasmissione delle informazioni raccolte al vertice aziendale e ai centri di responsabilità, attuazione delle azioni correttive…), mentre il controllo susseguente chiude l’intero ciclo, raccogliendo e comunicando i risultati finali.