Se siete alla ricerca di un dottore commercialista per l'attività di elaborazione dei dati contabili siete nel posto giusto. Operiamo a Milano e in tutta la provincia sia per piccole o grandi aziende e sia per professionisti. Contattateci al numero 02.40707130

Perizia di stima

La perizia di stima – definita anche perizia stragiudiziale – è un altro servizio che il nostro studio è in grado di offrire alla propria clientela. Consiste nello svolgimento di alcune indagini di natura tecnica, scientifica ed economica, utili alla formulazione di un giudizio e di una valutazione circa un determinato bene, di solito rappresentato da un immobile o da un complesso immobiliare. Ciò avviene tramite l’elaborazione di un testo piuttosto articolato, contenente grafici e immagini, che illustra in maniera completa ed esaustiva la natura economica-commerciale del bene stesso. L’operazione si conclude con l’espressione di un valore monetario e il timbro del perito.

Alla perizia di stima si può ricorrere per tutte le operazioni commerciali che vanno, ad esempio, dalla vendita dell’immobile alla sua locazione o divisione. In particolare, è possibile richiederla in caso di erogazione di mutui, di contratto leasing, di erogazione di un prestito, di richiesta danni, di atto di compravendita o di discussioni ereditarie. Per legge, deve essere redatta e compilata da un professionista abilitato, il cosiddetto perito, con conoscenze e competenze specifiche nel settore e regolarmente iscritto all’ordine professionale di riferimento. Tale operazione può essere richiesta sia dal titolare dell’immobile sia dal soggetto con cui si deve concludere un’operazione di tipo commerciale.

Nella perizia di stima è possibile trovare elencate tutte le caratteristiche intrinseche ed estrinseche del bene oggetto di valutazione come, ad esempio, i materiali, i valori termici, l’ubicazione, la struttura portante, gli estremi d’identificazione catastale, certificati di agibilità o di abitabilità, qualità delle rifiniture, l’età della sua realizzazione a tanto altro ancora, assieme pure al criterio e al metodo di stima utilizzati. Tra i criteri, si ricordi quello che fa riferimento al valore di mercato, a quello di surrogazione, di trasformazione oppure al valore complementare o di costo/produzione. Per quanto riguarda il metodo, invece, è opportuno ricordare la stima ai fini fiscali, necessaria all’ottenimento di quel valore dell’immobile, che poi inciderà principalmente sulla tassazione del bene stesso.